viale europa

Sospensione dei lavori sul viale Europa, il Comune si è attivato per risolvere il contratto

A seguito di un oggettivo ritardo nell’andamento dei lavori di riqualificazione sul viale Europa il Comune ha prima sollecitato il potenziamento del cantiere al fine di accelerare i tempi dell’intervento (lo scorso 26 maggio), ma a fronte di tale sollecito la ditta ha comunicato la sospensione sine die dei lavori. Questa illegittima sospensione ha aggravato, per esclusiva negligenza della ditta, il ritardo nell’esecuzione dei lavori.

Per queste ragioni il Comune ha deciso di procedere alla risoluzione del contratto con l’impresa, considerato che risultano ormai trascorsi i giorni previsti per il completamento delle opere.

In più l’impresa, dopo aver abbandonato il cantiere ha  citato in giudizio davanti al Tribunale di Arezzo il Comune chiedendo, in via preliminare, che venisse effettuata una consulenza preventiva sul cantiere per verificare i lavori effettivamente svolti, e nel merito l’annullamento del contratto di appalto.

Lo scorso 25 luglio il Giudice ha ritenuto la richiesta della ditta inammissibile, condannando il Consorzio al pagamento delle spese in questa fase preliminare.

Preso atto della decisione del Giudice e del perdurare dell’abbandono del cantiere, il Comune sta assumendo gli atti conseguenti per dare impulso alla procedura così da poter ritornare in possesso del cantiere.