Fotoinserimento_Piazza_Vista panchine_161121

Lavori sul Viale Europa, il Sindaco: “ditta esecutrice negligente, maturati i termini per la risoluzione del contratto”

Risoluzione del contratto per i lavori di riqualificazione del Viale Europa e riaffido del cantiere ai soggetti in graduatoria, alle medesime condizioni iniziali.
Sono questi i prossimi passaggi relativi al cantiere di Viale Europa, fermo dallo scorso maggio a seguito di una illegittima sospensione da parte della ditta vincitrice della gara.

“Abbiamo deciso di procedere alla risoluzione del contratto con l’impresa – ha detto il Sindaco, Sergio Chienni – per riappropriarci del cantiere e poter così intervenire con una nuova assegnazione dei lavori. Ci scusiamo con la cittadinanza per la sospensione degli interventi ma i ritardi sono stati causati esclusivamente dalla negligenza della ditta esecutrice”.

L’excursus dei lavori ha avuto inizio a gennaio di quest’anno quando la Giunta Comunale aveva approvato il progetto esecutivo per i lavori di riqualificazione paesaggistica e ambientale di Viale Europa e a marzo i lavori furono affidati ad una ditta esecutrice.
A fronte di un oggettivo ritardo nell’andamento dei lavori il Comune sollecitò prima il potenziamento del cantiere al fine di accelerare i tempi dell’intervento (lo scorso 26 maggio), ma a fronte di tale sollecito la ditta comunicò la sospensione sine die dei lavori.
Dopo aver abbandonato il cantiere l’impresa vincitrice aveva citato in giudizio davanti al Tribunale di Arezzo il Comune chiedendo che venisse effettuata una consulenza sul cantiere per verificare i lavori effettivamente svolti, e nel merito l’annullamento del contratto di appalto. Il Tribunale di Arezzo ha respinto il ricorso proposto dalla ditta condannando la stessa alla refusione delle spese di lite.

“Prendendo dunque atto della decisione del Tribunale di Arezzo che ha totalmente rigettato le richieste della ditta – ha aggiunto il primo cittadino –e, non essendo mai ripresi i lavori, abbiamo deciso di recedere il contratto e individuare l’impresa che, alle stesse condizioni economiche, possa concludere i lavori”.