bergen Belsen

Viaggio nei luoghi dello sterminio nazista, la Conferenza dei Sindaci del Valdarno promuove l’iniziativa

Anche quest’anno la Conferenza dei Sindaci del Valdarno promuove il viaggio-studio nei luoghi dello sterminio nazista organizzato con l’Aned, l’Associazione nazionale ex deportati.
Dal 10 al 16 febbraio prossimo, i giovani del territorio (dai 14 ai 25 anni) visiteranno i campi di sterminio di Sonnenstein/Buchenwald, Nordhausen/Neuengamme e Brema-Wietzendorf/Bergen Belsen insieme alle vicine città tedesche di Dresda, Brema ed Amburgo.
“Per il terzo anno consecutivo – ha detto il Sindaco di Terranuova e Presidente della Conferenza dei Sindaci, Sergio Chienni – la nostra amministrazione insieme a quella di Castelfranco Piandiscò aderisce al viaggio nei luoghi dello sterminio e della barbarie nazista, convinti dell’alto valore formativo che questa esperienza porta con sé. Proseguire su questa strada, continuando a sostenere il viaggio – ha aggiunto – rappresenta uno stimolo alla coscienza collettiva. È necessario conoscere e approfondire le pagine della storia che hanno portato ad abissi come l’olocausto, per questo diamo la possibilità ai nostri studenti di prendere parte ad un viaggio così importante per la crescita personale”.
La Conferenza zonale ha aderito al progetto che permetterà agli studenti partecipanti anche il riconoscimento dei crediti formativi e delle assenze scolastiche. La delegazione viaggerà accompagnata dai rappresentanti della sezione fiorentina dell’Aned. Il costo per ogni giovane è di 475 euro e per ogni adulto di 499 euro.
“I giovani che hanno partecipato ai due precedenti viaggi sanno bene che questa resterà un’esperienza indelebile – ha dichiarato Enzo Cacioli, Sindaco di Castelfranco Piandiscò, comune capofila del progetto – “Auspico che, anche per quest’anno vi sia una buona partecipazione come è accaduto in passato. Credo che, oggi più che mai, le nuove generazioni abbiano il diritto di conoscere in prima persona quanto sia fondamentale il rispetto dei diritti umani per una pacifica convivenza tra i popoli. Proprio da questa sofferenza vissuta da milioni di persone è nata l’Europa unita basata sui valori dell’integrazione e del rigetto delle intolleranze. Il dolore scaturito dai lager nazisti se partecipato, interiorizzato e profondamente conosciuto dai giovani diventa a tutti gli effetti esperienza pedagogica e particolarmente educativa. Partecipare è importante per capire la tragica storia che portò l’umanità a genocidi efferati affinché questo non debba succedere più”.
Per ulteriori informazioni consultare il sito del comune www.castelfrancopiandisco.it dove è possibile scaricare il modulo di adesione che va compilato e consegnato o inviato via e-mail all’Ufficio Staff del Comune (ufficiostaff@castelfrancopiandisco.it) entro venerdì 7 dicembre 2018 accompagnato dalla ricevuta del pagamento della quota di acconto.