Rai 3 in visita alla mensa scolastica
riconosciuta eccellenza regionale

Il Comune di Terranuova da anni investe in un processo di valorizzazione qualitativa della propria mensa scolastica perché il pasto fornito ai bambini non sia semplicemente la soddisfazione di un bisogno primario, ma un momento importante di crescita e di educazione alimentare.

Questo obiettivo viene perseguito e realizzato ogni giorno mettendo a tavola oltre 1000 ragazzi ed è stato oggetto di attenzione questa mattina da parte di una troupe televisiva di Rai 3 al fine di far conoscere su scala regionale le buone pratiche messe in atto in tema di corretta educazione al cibo.

“Oggi viene offerto un servizio mensa di alto livello anche grazie alla scelta di utilizzare prodotti biologici e di filiera corta- ha commentato il Sindaco Sergio Chienni- per questo la visita di Rai 3 alla mensa scolastica, recentemente ampliata nei locali, ci ha riempiti di orgoglio ed è stata un giusto riconoscimento al lavoro dell’Amministrazione che tanto ha investito in questi anni nei servizi scolastici e per gli addetti che ogni giorno si adoperano per offrire la massima qualità dei prodotti e dei servizi.

Preme sottolineare che negli ultimi anni questa impostazione si è tradotta nello sviluppo di specifici progetti quali: Pappa Toscana che ha introdotto prodotti e materie prime biologiche, tipiche, tradizionali e di agri-qualità esclusivamente di produzione della nostra regione nella mensa dell’asilo nido che fornisce circa 100 pasti giornalieri ed Il pescatore verde attivo fin dal 2014 che ha introdotto nel menù pesce fresco proveniente inizialmente dalla cooperativa dei pescatori di Orbetello e negli ultimi due anni dal centro del pesce di Viareggio. Il Comune di Terranuova, a supporto di questi progetti, ha investito molto in percorsi di educazione alimentare coinvolgendo sia i genitori che gli insegnanti organizzando dei momenti conviviali per far conoscere gli ambienti frequentati quotidianamente dai bambini, assaggiare i piatti che compongono il menù e soprattutto per condividere i progetti proposti e le finalità del mangiare sano e locale.

I risultati positivi come quelli di oggi non si raggiungono da soli – ha concluso il primo cittadino – ma sono frutto di un gioco di squadra e penso che nel nostro caso il merito sia della collaborazione di tutti coloro che hanno fin da subito approvato il nostro progetto non ultimi gli insegnanti e le famiglie”.