Arrivate in Valdarno migliaia di mascherine grazie alla collaborazione tra Moretti spa, Comune di Cavriglia, Conferenza dei sindaci, Prefettura di Arezzo e Vigili del fuoco

L’Operazione lampo andata in porto per affrontare al meglio l’emergenza: le mascherine chirurgiche certificate sono arrivate oggi pomeriggio e verranno consegnate all’ospedale

Sono arrivate oggi pomeriggio e verranno consegnate all’Ospedale del Valdarno migliaia di mascherine chirurgiche certificate provenienti dalla Cina grazie alla collaborazione tra Moretti Spa, Comune di Cavriglia, Conferenza dei Sindaci del Valdarno, Prefettura di Arezzo e Vigili del Fuoco.
L’operazione, annunciata la scorsa settimana, come previsto è già andata in porto in tempi record.
Medici, infermieri e Oss potranno utilizzarle per continuare ad affrontare come sempre fatto fino ora, con tenacia, professionalità e coraggio, il proprio lavoro. L’operazione è andata in porto grazie agli ottimi rapporti tra Comune di Cavriglia e Moretti Spa, azienda leader in Italia nel settore sanitario con sede a Cavriglia, e con la collaborazione della Conferenza dei Sindaci, della Prefettura di Arezzo e del comando dei Vigili del fuoco.

“È un momento drammatico, siamo in guerra, e dobbiamo essere uniti e collaborare al meglio per uscire da questa emergenza – ha spiegato il Sindaco di Cavriglia -. La credibilità e l’efficienza della politica in questi momenti è fondamentale. Avevamo annunciato l’arrivo delle mascherine in arrivo dalla Cina in tempi rapidi, e un quantificavo importante è arrivato in tre giorni. Siamo molto soddisfatti e ringraziamo Moretti Spa che è un’azienda leader nazionale nel settore sanitario, eccellenza toscana con sede a Cavriglia, e che lavora moltissimo con la Cina. Grazie ai loro ottimi rapporti internazionali con fornitori cinesi, è stato possibile intercettare quest’ingente partita di mascherine e portarle in Valdarno. Ringrazio moltissimo Prefettura e Vigili del Fuoco per la collaborazione, ma soprattutto Filippo Fabbrini che in un momento così drammatico si sono mobilitati immediatamente per risolvere un problema importante in Toscana”.

Soddisfatto anche Sergio Chienni, presidente della Conferenza dei Sindaci del Valdarno: “Dobbiamo continuare a lavorare senza sosta e con il massimo impegno per supportare tutti i lavoratori dell’azienda sanitaria nei servizi che stanno dando alla cittadinanza. Questi giorni ci testimoniano la solidarietà delle aziende del territorio e la generosità di tanti cittadini che nelle forme più varie, donazioni e volontariato, stanno dando un contributo importante. Per ringraziarli davvero è necessario che ciascuno di noi segua le indicazioni che quotidianamente ci vengono ripetute sui comportamenti corretti da tenere per contrastare la diffusione del virus. C’è chi deve andare a lavoro per garantire servizi essenziali, tutti gli altri sono chiamati a ridurre al minimo i contatti interpersonali. Siamo di fronte a una battaglia dura che ha bisogno di tutti”.