Terminato il divieto di abbruciamento di residui vegetali agricoli

È terminato ieri su tutto il territorio regionale, il divieto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali. Da oggi, fino al 30 giugno 2020 a normativa consente l’abbruciamento di residui ligno cellulosici provenienti da tagli boschivi, interventi colturali, interventi fitosanitari, potatura e ripulitura, ai fini del loro reimpiego nel ciclo colturale di provenienza.

Nell’attuare questo tipo di pratica agricola, occorre osservare precise prescrizioni e adottare tutte le cautele necessarie a evitare sia l’innesco di incendi sia di incorrere nelle sanzioni previste dalla normativa.

L’abbruciamento deve essere effettuato entro i 250 metri dal luogo di produzione e in piccoli cumuli non superiori a 3 metri steri per ettaro al giorno. Lo stero è un’unità di misura di volume usata per il legno ed equivale a un metro cubo vuoto per pieno, vale a dire volume incluso i vuoti.

Le norme di prevenzione prevedono che gli abbruciamenti siano sempre eseguiti in assenza di vento (quando la colonna di fumo sale verticalmente) e con le opportune precauzioni:

  • limitando il materiale da bruciare in piccoli cumuli e in spazi ripuliti e isolati da vegetazione e residui infiammabili
  • operando in presenza di un adeguato numero di persone e mai da soli
  • osservando la sorveglianza della zona fino al completo spegnimento dell’abbruciamento.

Nel rispetto delle prescrizioni è consentita la cottura di cibi nei bracieri o nei barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all’interno delle aree attrezzate.

Ricordiamo che è attivo il servizio di ritiro a domicilio di sfalci e potature di provenienza domestica. Per prenotare il ritiro è possibile chiamare il numero verde di Sei Toscana 800 127484, attivo dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle 13 e dalle 13,30 alle 17, il venerdì dalle ore 9 alle 13, o effettuare la prenotazione attraverso il sito internet www.seitoscana.it, oppure inviando una mail a ingombranti@ seitoscana.it.

I cittadini sono invitati a segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800 425 425 o al 115 dei Vigili del Fuoco.