Covid-19 e fase due, riaprono parchi, ville e giardini pubblici: ecco le regole da seguire

Con l’avvio della “fase due” nella gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19, e in base al Dcpm del 26 aprile 2020 e alle ordinanze del Presidente della Regione, da oggi è consentito l’accesso ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici.
Per contenere la diffusione del virus però è necessario seguire precise prescrizioni: non sono ammessi assembramenti e comunque non più di due persone insieme, alla distanza di sicurezza, almeno che non siano dello stesso nucleo familiare o conviventi o accompagnatori di persone non completamente autosufficienti.

Le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse ed è pertanto fatto divieto di utilizzare le strutture in esse presenti come scivoli, altalene ecc. I bambini devono essere accompagnati da persone con essi conviventi, le quali cureranno la loro attività ed il rispetto delle distanze di sicurezza. È fatto divieto di utilizzare attrezzature per attività fisica eventualmente presenti ed è consentito l’utilizzo delle panchine nel numero massimo di un occupante per panchina, salvo che si tratti di persone appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi o accompagnatori di persone non completamente autosufficienti.