Casa della Comunità Hub a Terranuova Bracciolini

“Terranuova sarà sede di una delle due Casa della Comunità Hub che sono previste nel Valdarno aretino (l’altra è a San Giovanni Valdarno), ad annunciarlo il Sindaco, Sergio Chienni.
“Il nuovo stabile sorgerà nell’area dove ora insiste la Casa della Salute – ha aggiunto. Si tratta di una struttura che implementerà i servizi a disposizione dei cittadini di tutto il Valdarno, essendo prevista la presenza di un medico h24, 7 giorni su 7; la presenza infermieristica h 12, 7 giorni su 7; un servizio di diagnostica finalizzato al monitoraggio delle criticità (ecografo, elettrocardiografo, spirometro, ecc), oltre ad un’altra serie di funzioni che andranno ad implementare il panorama dei servizi che ad oggi viene erogato dalla Casa della salute”.
Il nuovo edificio e i nuovi servizi saranno finanziati direttamente con risorse regionali.

Qui di seguito una descrizione sintetica delle caratteristiche della Casa della Comunità Hub:

  • Superficie di circa 800-1000 mq
  • Presenza medica h24 – 7 giorni su 7, anche attraverso l’integrazione della Continuità Assistenziale
  • Presenza infermieristica h 12 – 7 giorni su 7
  • Punto unico di accesso (Pua) sanitario e sociale
  • Punto prelievi
  • Programma di screening
  • Servizi diagnostici finalizzati al  monitoraggio delle cronicità (ecografo, elettrocardiografo, retinografo, oct, spirometro, ecc.)
  • Servizi infermieristici, inclusa l’attività dell’Infermiere di famiglia e Comunità (IfeC)
  • Sistema integrato di prenotazione collegato al CUP aziendale
  • Servizio di assistenza domiciliare di base
  • Partecipazione della comunità e valorizzazione della co-produzione, attraverso le associazioni di cittadini e volontariato

Organizzazione capillare su tutto il territorio:

  • Una struttura fisica in cui opera un equipe multiprofessionale di: MMP, medici specialistici, infermieri di comunità, altri professionisti della salute e può ospitare anche assistenti sociali
  • Un punto di riferimento continuativo per la popolazione che, anche attraverso una infrastruttura informatica, un punto prelievi, la strumentazione polispecialistica permette di garantire la presa in carico della comunità di riferimento